Home » » Home Staging per la struttura turistica.

Home Staging per la struttura turistica.

L’Home Stager a servizio del turismo. I suoi ambiti di intervento.

In questo articolo cercheremo di affrontare i principali ambiti di intervento dell’Home Stager in ambito turistico ricettivo. Il turismo, come ben sappiamo, non può fare più a meno dell’uso delle immagini per promuoversi. Nascono ogni giorno nuovi portali di intermediazione o circuiti di settore che propongono strutture turistiche e alberghiere e ne promuovono i servizi. La promozione turistica, su internet, come sappiamo, avviene principalmente attraverso le immagini e i testi, che siano immagini statiche o in movimento, e sulla qualità delle informazioni sui servizi forniti. Al momento le immagini sono i principali vettori di informazione che gli utenti usano per selezionare la struttura in cui soggiornare. E’ di fondamentale importanza per le strutture turistiche tenere sotto controllo la qualità della comunicazione e fornire informazioni esatte e veritiere ma anche impressionare l’utente favorevolmente attraverso gli unici strumenti a disposizione.

Tutti i controlli e le verifiche compiute al fine di ottimizzare il grado di percezione attraverso le immagini delle strutture turistiche, ricadono nell’ambito di intervento di uno stager. Il designer di interni che opera interventi di staging per le strutture turistiche alberghiere, difatti, opera uno studio del ‘set’ scenografico di ogni inquadratura fotografica al fine di operare un preciso controllo sulla qualità della comunicazione per immagini su cui l’Hotel basa il suo marketing.

Hotel Brand Reputation. Si inizia dalla qualità delle immagini

Capita sempre più spesso al viaggiatore, visto il proliferare di portali di acquisizione clienti, di siti booking online commerciali o di settore, che poco tengono in conto la qualità generale del servizio di informazione da loro fornita, di operare la ricerca e la scelta del proprio hotel sulla base di foto approssimative, di dimensioni ridotte, di scarsa qualità dal punto di vista della esposizione, della luce e della inquadratura. Le illustrazioni fotografiche spesso non mettono in grado l’utente di operare una valida scelta su base emozionale perchè prive di quei requisiti di qualità standard dovuti all’uso della buona tecnica fotografica. Cosa ben più grave le foto spesso non collimano con la realtà, sono foto non aggiornate o nei casi più gravi dissimili in tutto con la struttura reale. Tralasciando quest’ultimo caso e considerando un dato scontato la buona fede dell’inserzionista, l’utente spesso ha ben pochi elementi per giudicare a pieno la validità della proposta turistica.

Il tema della Hotel Brand Reputation è di grande attualità oggi, con l’avvento del web2.0 che ha dato la possibilità agli utenti in prima persona di parlare e recensire le strutture alberghiere attraverso portali dedicati.  Un principio basilare da seguire per ottenere una buona reputazione online è quello di non creare false aspettative nel cliente e di usare una comunicazione trasparente.  Usare immagini non corrispondenti alla realtà, seppur migliorative, rispetto alla attuale situazione, per ‘vendere meglio’ la struttura, spesso è altamente controproducente.

E’ di fondamentale importanza che non si formi un gap tra qualità comunicata  e qualità percepita dall’ospite in un hotel: se il turista è soggetto a false aspettative, come abbiamo detto, è statisticamente provato che possa derivare un aumento percentuale di recensioni negative derivante dal feedback degli internauti abituati a recensire i loro viaggi.

E’ da considerare che poi spesso gli hotel non hanno compreso appieno il valore della comunicazione o comunque non hanno strumenti per valutare i ritorni di immagine. Il risultato è che i gestori delle strutture tendono a demolire gli strumenti di interrelazione forniti dal web rinunciando al potere che conferisce a loro, quando fossero ben compresi e utilizzati, senza neanche tentare di essere proattivi in tal senso e operare un controllo o una verifica nell’ambito del ritorno di immagine assicurato dalle comunicazioni e dalle rappresentazioni che si danno su internet della struttura. Sarebbe opportuno operare degli split test ad esempio sulle immagini, inserendo immagini attualizzate. Spesso la verosomiglianza paga se si avessero dati alla mano. L’atteggiamento proattivo nel campo della comunicazione per immagini obbligherebbe il gestore dell’hotel o della struttura ricettiva a considerare una revisione di tutto il dossier fotografico sulla struttura, utilizzato nell’ambito del marketing online, e verificare il ritorno di immagine e di contatti derivante dall’uso di immagini attualizzate.

Progettare lo staging per consolidare la reputazione

E’ chiaro che attualizzare l’immagine di un interno presuppone un intervento di recupero degli ambienti. Con un intervento di Hotel Staging si andrebbe ad operare proprio su tutti quegli elementi che caratterizzano l’effetto globale di una immagine di interni.

E’ fondamentale studiare un interno con le tecniche dell’interior design, prima di operare qualsiasi cambiamento. Tali revisioni della architettura degli interni o semplicemente della finitura globale delle superfici,  non necessariamente deve risultare molto onerosa e spesso può consistere semplicemente in interventi di allineamento, rediposposizione, rifinitura a mezzo di semplici complementi, reinterpretazione delle fonti luminose, disposizioni ritmiche, concordanze cromatiche.

Quello che si evoca o si suggerisce attraverso le immagini non è mai scontato. Una diversa inquadratura, con diverso ampiezza focale, con una particolare illuminazione, se ben concepita può essere basata su ‘focus’ diversi e quindi comunicare con intenzioni diverse. Può evidenziare ciò che si decide di evidenziare invece di procedere con una inquadratura casuale. Suggerire comfort, calore; si può puntare sul dettaglio di pregio, a sottolineare l’attenzione per il gusto o l’alto livello di qualità del servizio, piuttosto che concentrare l’attenzione su dettagli funzionali, di buona dotazione tecnologica e trasmettere efficienza, adeguato standard di servizio.

Quello che si vede deve essere quello che si compra e viceversa. All’ingresso dell’ospite nella struttura la situazione deve rispecchiare fedelmente l’intervento di staging che si inserisce quindi nel più ampio ambito della strategia di marketing generale.

RICHIEDI UNA CONSULENZA DI STAGING PER IL TUO HOTEL

TORNA ALLA PAGINA DELL’HOME STAGING

Related posts: other relevant arguments

Home staging per la camera d'albergo: tutti la vogliono!
Cosa non deve mancare nella progettazione di una camera di albergo, per andare incontro ai gusti dei clienti e al concetto di ospitalità così come interpretato dagli utenti attualm...
Vendere meglio casa con l'Home Staging. Come fare.
La documentazione fotografica, un problema più che una soluzione. Ognuno di noi ha compiuto per lo meno una volta nella vita l'esperienza di una ricerca online,  attraverso siti...
Home Staging. Nuovo look per l'Hotel e il B&B.
Hotel design. L'innovazione del progetto, ospitalità come esperienza. E' diventato di vitale importanza oggi, per un Hotel, riuscire a confrontarsi con una richiesta sempre più ...
Home Staging. Quando e come utilizzarlo
L'Home Staging, quali i suoi vantaggi. I vantaggi dell'Home Staging e del progetto di comunicazione.Quando utilizzare un progetto di comunicazione di Home Staging.Come utilizzare l...
Home Staging. Quali gli interventi possibili.
Come si articola l'intervento di Home Staging L'intervento di Home Staging si articola in varie fasi variabili in base alle necessità e alle particolarità degli immobili trattat...
L’Home Staging nella compravendita immobiliare.
Home Staging. Le ragioni del marketing immobiliare. Comprare e vendere casa. Non è più come prima. Si affacciano nuove professionalità sul mercato immobiliare italiano sull'onda...
Home Stager e Flat Hunter. Il Real Estate si fà design.
Quali sono le nuove figure della compravendita immobiliare Sei a caccia di un buon investimento o vuoi realizzare una buona vendita  del tuo immobile? Bene. Da oggi non sei p...
Un anno a colori! Interior design a colori nel 2011.
Il 2011 è l'hanno del colore, della rinascita e della speranza. Dopo ormai troppi anni di crisi e di recessione sul mercato si affacciano nuovi bisogni e l'interior design segue i ...

Lascia un commento